Motivazioni, finalità, metodi.

La Scuola della Terra in Sardegna propone riflessioni sul mondo dirette alla mitigazione delle crisi ecologiche, culturali, sociali e politiche contemporanee, presentando e discutendo riflessioni interdisciplinari sulle dinamiche dei sistemi ecologici e socio-territoriali.
La Scuola focalizza la sua attenzione sulla rete della vita planetaria e sugli intrecci di processi naturali (realtà fisico-chimico-biologica) e socioculturali (mondo storico-insediativo) sedimentatisi nel corso del tempo sul globo terrestre.
Nelle proposte culturali della Scuola questi complessi fasci di relazioni sono analizzati in rapporto alle specializzazioni di docenti e facilitatori via via chiamati a collaborare ai suoi eventi, ma   tutti sono invitati a dare spazio ad approcci dialoganti e a modalità inter e transdisciplinari di trattazione.

L’obiettivo generale è confrontarsi su come tutelare i beni comuni naturali essenziali alla vita. La Scuola della Terra si occupa della Terra come pianeta da abitare e come suolo e sistema di risorse vitali. La nostra intenzione è anche comprendere come si siano evoluti gli attuali sistemi di produzione e consumo e come essi potrebbero essere ristrutturati e posti in essere secondo principi di sostenibilità ed equità.

In particolare ci focalizziamo sulle attività primarie (agroforestali ed agroalimentari) indispensabili alla sussistenza umana. Come connettere efficacemente i beni alimentari agli insediamenti esistenti? E come riconfigurare sistemi produttivi per conseguire un efficace metabolismo economico tra società e ambiente?
Con le nostre iniziative intendiamo suscitare interesse per la rete della vita sul pianeta, i suoi cicli ecologici e le sue trasformazioni antropiche. Il nostro impegno è rivolto a stabilire  legami progettuali con le giovani generazioni, alla rigenerazione dei saperi civici e all’esercizio dei diritti democratici, alla (ri)proposizione di pratiche artigianali e innovative, così come di economie sostenibili e territorializzate.

Nelle nostre attività cerchiamo di produrre consapevolezza della centralità dei sistemi di sostegno della vita – e in particolare  del suolo – per la nostra esistenza biologica di organismi umani, mettendo in primo piano le condizioni e le istanze di salvaguardia delle acque e di ricostruzione di terreni integri e fertili, ad ogni livello dimensionale.
Ricorrendo ad approcci interattivi, puntiamo a una comprensione integrata delle questioni in gioco. Agli approcci analitici propri delle scienze accademiche intendiamo affiancare percorsi formativi pratici, che si raccordino alle forme “autoctone” dello stare al mondo espresse dagli abitanti del territorio in cui si svolge la Scuola della Terra in Sardegna.

Destinatari della Scuola della Terra sono insegnanti scolastici di ogni ordine e grado, agricoltori e operatori del settore primario, professionisti e operatori del territorio, amministratori di Enti pubblici, studenti e specializzandi universitari, soggetti coinvolti in percorsi e azioni di cittadinanza attiva.